Chiavi di lettura 2016: IL COMPAGNO DMITRIJ

Mercoledì 18 maggio 2016

Salone del Conservatorio, ore 20

nell'ambito di CHIAVI DI LETTURA 2016:

 

Il compagno Dmitrij. Sogni e incubi di un genio della musica nella Russia di Stalin e Zdanov

 

Domenico Di Leo e Benedetto Boccuzzi suonano e raccontano il Concerto n.1 in do minore op.35 di Dmitrij Šostakovič per pianoforte, tromba e orchestra

Corrado Russo, letture

Ingresso libero fino a esaurimento dei posti disponibili.

russia

Il nostro viaggio nel tempo e nello spazio continua:
dopo le stravaganze e gli estri della musica barocca questa volta vi portiamo dritti nella Russia rivoluzionaria degli anni 1930 e nell'Europa tra le due guerre mondiali.

La coloratissima, impetuosa, febbrile, eccitante e tragica Russia degli anni che seguirono alla Rivoluzione del 1917 sarà il luogo della nostra esperienza.

Coloratissima, impetuosa, febbrile, eccitante e tragica sono alcuni degli aggettivi che si prestano perfettamente a descrivere anche le qualità della musica di Šostakovič.Grazie al suo bellissimo Concerto n.1 del 1933 - con Benedetto Boccuzzi nella veste di brillante solista e Domenico Di Leo in quella di "orchestra (e tromba)" - potrete averene un bellissimo assaggio, respirare il clima di quegli anni, conoscere la personalità lacerata di un artista combattuto tra la fedeltà alle sue idee creative e quella a un regime il cui controllo si faceva di anno in anno più opprimente.Incontreremo insieme altri artisti geniali, poeti, registi, architetti, protagonisti delle battaglie e degli slanci sociali e culturali di quegli anni.
Ci imbatteremo in personaggi, come Stalin e Zdanov, terribili nel loro grandioso e folle proposito di esercitare un ferreo controllo sulla società, sulla vita degli individui e sul loro pensiero.Ripenseremo ai sogni e alle utopie e a come a volte purtroppo la loro attuazione per opera di uomini (e donne) che si sentono depositari di una verità e di una missione può dar luogo a incubi e distopie tragiche e spaventose.

(Domenico Di Leo)

Submit to Facebook